Elisabetta Mandrioli

Fotografia e memoria

31-12-2014 01:28

"La macchina fotografica era bugiarda? E io, a mia volta, ero forse stata ingannata dalla memoria? Il passato, sommerso e sepolto nel tempo, non poteva più essere verificato. Ma io ero stata imbrogliata per bene" (P. Theroux, Picture Palace, 1978)

"Noi fotografi abbiamo sempre a che fare con cose che svaniscono di continuo, e quando sono svanite non cíè espediente che possa farle ritornare. Non possiamo sviluppare e stampare un ricordo" (Henri Cartier-Bresson)

"Sono giorni, questi, che trovo rassicurante osservare il mondo attraverso l'oculare di una macchina fotografica: la realtà circostante mi appare incorniciata, assolutamente definita. Nel percepirla, non avverto più fastidiose vertigini siderali, poiché tutto è conchiuso in un cubo che è il prolungamento della mia stessa persona, un organo sussidiario della vista, della memoria" (P. Mauresing, L'ombra e la meridiana)
loading