Elisabetta Mandrioli

La mia fotografia

19-12-2013 00:20

Cos'è per me la fotografia? Una corazza verso un mondo incomprensibile e ostile, una difesa dall’ansia e dall’angoscia. La macchina fotografica nasconde, scherma, protegge.
La fotografia è un bisogno, un impulso a catturare ciò che attrae. È un modo per controllare e incorporare il mondo, per lenire le ferite della perdita e dell’abbandono e per mantenere la giusta distanza, tra distacco e partecipazione.
La fotografia è una visione, un sogno intriso di nostalgia, uno spazio di mediazione tra l’Io e il grande inganno dell’esistenza.
La mia fotografia non denuncia, ma rappresenta le mie radici, la mia città, la mia realtà, tra solitudini urbane e luoghi abbandonati, maschere e burattini, teatro e gioco, specchi, riflessi, finzioni e incantesimi. Ogni immagine è un frammento di me (Bologna, 2013)
loading